lunedì 21 agosto 2017

Nuova stagione


E in men che non si dica anche queste ferie estive sono finite e siamo già pronti a cominciare un nuovo anno. Dal punto di vista agonistico si tratta della terza stagione di gare. Dopo la prima nella quale ho preso confidenza con le gare fino alla mezza maratona, e la seconda in cui ho puntato e raggiunto il traguardo della mia prima Regina (poi bissata ancora e ancora), quest'anno sono pronto e determinato a partire verso traguardi sempre più ambiziosi, sperando che il corpo mi sostenga.

Si parte subito, venerdì prossimo, con la gara che per molti podisti romani rappresenta il ritorno a casa, la mezza in notturna dal Ponte della Musica. Il primo obiettivo dell'anno l'ho fissato per fine settembre quando vorrei partecipare alla mia prima ultra maratona. Si tratta della 6 ore dell'Adriatico che dovrebbe svolgersi a Pescara il 30 settembre (dovrebbe perchè ho ricevuto conferma dagli organizzatori ma ancora nessuna notizia ufficiale su svolgimento della gara, iscrizioni, regolamento..). Ho scelto una gara dalla formula così particolare (vince chi corre più chilometri in un tempo predefinito) per diversi motivi: mi sembra l'approccio più soft a gare su chilometraggi importanti; si corre in un circuito e questo può testare la mia tenuta psicologica e, allo stesso tempo, mi conforta circa eventuali problemi che dovessero sorgere nel corso della gara.

Nel percorso di avvicinamento che sto facendo da inizio luglio, è prevista un'alta mezza maratona che è anche una novità assoluta nel calendario. Si tratta della Roma Half Marathon Via Pacis con un percorso affascinante che tocca tutti i centri della spiritualità non solo cristiana a Roma. Appuntamento per domenica 17 a San Pietro.

L'altro appuntamento principale dell'autunno è la Maratona di Torino, quest'anno in programma domenica 29 ottobre. Poi il solito corollario di 10 chilometri fino a capodanno, in attesa di una primavera che ho immaginato molto scoppiettante. Avrò modo di parlarne e approfondire meglio. Per chi fosse curioso e volesse dare un'occhiata ecco il calendario delle mie gare per l'anno che sta cominciando (chiaramente suscettibile di ogni modifica possibile e immaginabile).

giovedì 17 agosto 2017

Come back


Evidentemente ci deve essere qualcosa nel cambiamento dell'aria, dalla montagna alla città che mi provoca sommovimenti intestinali, se è vero che tre volte su tre, la prima uscita dal ritorno delle vacanze è stata caratterizzata da violenti mal di pancia che hanno lasciato strascichi per tutta la giornata. E' stato così anche quest'anno, spero che come negli anni passati si tratti di episodio isolato.

Sono comunque molto soddisfatto delle uscite fatte durante le vacanze. La prima settimana a Riccione ho avuto la possibilità di fare allenamenti, anche piuttosto lunghi (fino a 29k), sul lungomare da Cattolica fino a Rimini alternando corse lente con lavori di qualità soddisfacenti sul piano dei risultati.

La vera novità quest'anno sono stati, però, gli allenamenti in quota. Infatti in montagna a quota 1000 ho avuto la possibilità di lavorare su un percorso nervoso, pieno di saliscendi e con tratti di salita e discesa impegnativi. Ho avuto modo anche di verificare quanto rende - a livello di ossigenazione - correre in quota, respirando aria pura a temperature autunnali.

Ora torno, come detto, ai miei percorsi cittadini abituali continuando la preparazione per l'inizio della nuova stagione si avvicina. Ma riguardo le tappe agonistiche di questo autunno/inverno, avrò modo di parlare in maniera approfondita la prossima settimana nel post di presentazione della stagione.

lunedì 31 luglio 2017

Stagione 2016/2017


Anche quest'anno sono finalmente arrivate le vacanze estive, si chiude una stagione impegnativa sotto diversi aspetti tra cui anche quello sportivo. La mia prima stagione agonistica, l'anno scorso, è stata quella dell'ambientazione: ho imparato ad allenarmi, il mio corpo si è dovuto adattare ai diversi carichi di lavoro, con l'emozione di correre la mia prima mezza maratona e di migliorarmi sulle 10 chilometri. Quest'anno è stato quello delle conferme. Ho capito che solo con un allenamento costante e ragionato si raggiungono determinati obiettivi. Ho finalmente raggiunto l'obiettivo principe di correre una Maratona (solo un anno fa mi sembrava qualcosa di impossibile da fare): di più, mi sono migliorato costantemente da un punto di vista chilometrico e i miei allenamenti sono diventati sempre più efficaci. Ho cominciato a correre fino a 4 volte alla settimana, a volte anche con il sacrificio di alzatacce prima di andare al lavoro. Il bilancio finale è quello di un enorme soddisfazione nella consapevolezza che nessun obiettivo è irraggiungibile, bastano forza di volontà e tanta dedizione nel raggiungerlo.


DataGaraDistanzaTempo
26.08.2016Roma by Night Run21,097 km.1h42"39
04.09.2016Ostia in corsa per ambiente10 km.47'21"
09.10.2016La 30 del Mare30 km.2h29'49"
13.11.2016Fiumicino Half Marathon21,097 km.1h37'38"
27.11.2016Firenze Marathon42,195 km.3h43'05"
11.12.2016CorriOlimpia Eur10 km.42'24"
31.12.2016We Run Rome10 km.43'21"
15.01.2017Trofeo Lidense15 km.1h03'24"
26.02.2017Decamilia14,8 km.1h02'36"
12.03.2017Roma-Ostia Half Marathon21,097 km.1h28'57"
02.04.2017Maratona di Roma42,195 km.3h23'13"
30.04.2017Rimini Marathon42,195 km.3h28'40"
14.05.2017Rincorriamo la Pace10 km.40'02"
21.05.2017Race for the Cure5 km.20'00"
11.06.2017Cecchignola di Corsa9,5 km.38'53"
17.06.2017Mezzamaratona di Roma21,097 km.1h33'33"

Complessivamente ho partecipato a 16 gare, di cui 4 mezze maratone e 3 maratone. L'emozione più forte è stato senza dubbio quella che ho provato all'arrivo della maratona di Firenze, corsa a fine novembre. E' stata la mia prima regina che ho affrontato con il dovuto rispetto e prudenza ma che mi ha regalato una gioia enorme.

Con l'anno nuovo ho voluto provare ad approcciarmi in maniera un po' più evoluta alla preparazione. Ho pertanto seguito una tabella in previsione della Maratona di Roma più evoluta, sia in termini quantitativi che qualitativi. I risultati sono stati sorprendenti: già nella Roma-Ostia di marzo ho ottenuto un tempo assolutamente stupefacente per le mie aspettative, e poi tre settimane dopo, nella Regina lungo le strade della Capitale, ho replicato con una prestazione che mi ha lasciato a bocca aperta.

Ho provato anche l'emozione della "doppia" provando a sfruttare la preparazione per Roma anche per Rimini in programma un mese dopo. L'emozione di correre per posti che mi ricordano la mia infanzia ha attutito un po' la delusione per una prestazione non eccelsa. Dei mesi di preparazione per le maratone ho approfittato anche per limare le mie prestazioni sulle distanze più brevi.


Come evidenziato dalla tabella qui sopra il miglioramento su tutte le distanze rispetto ai tempi che avevo fatto registrare fino allo scorso mese di agosto è evidente, segno che la strada che ho seguito a livello di allenamento è quella giusta. Chiaramente, non ci si ferma qui. Per la prossima stagione, infatti, sono in cantiere diverse novità. La prima riguarda l'iscrizione alla società podistica LBM Sport Team, con la quale ho corso le ultime due gare di giugno. L'organizzazione mi sembra ottima e la possibilità di appoggiarmi ad una struttura che così ben conosce il mondo del running sarà sicuramente un punto a favore per permettermi di migliorarmi ancora di più.

Altra novità logistica sarà il fatto che proverò ad allenarmi allo Stadio Nando Martellini alle Terme di Caracalla. La pista di atletica mi potrebbe essere molto utile soprattutto nei lavori di qualità. Al ritorno dalle vacanze andrò a fare il primo allenamento.

Poi voglio provare ad alzare ancora un po' l'asticella. Dopo aver superato infatti l'ostacolo della maratona mi piacerebbe provare l'esperienza di avventurarmi nel mondo delle Ultra. In questo senso deve essere letto l'ultimo record di distanza che ho fatto registrare ad inizio luglio. Entro breve sarò più chiaro su cosa ciò vorrà dire. Ci sono però già alcune certezze: il mio calendario agonistico per il 2017/2018 comincerà ufficialmente il prossimo venerdì 25 agosto con la RomabyNight Run, mezza in notturna per le strade della capitale.

Ora, però, è il momento di staccare un po' la spina. Che non significa tanto non allenarsi (continuerò a farlo anche durante le ferie) ma rilassarsi mentalmente per tornare con la spinta giusta la prossima stagione. Nel frattempo ho già rinnovato il certificato medico (il dottore mi ha detto che l'ECG è andato meglio dell'anno scorso), così tanto per aver ben chiaro che sono già bello carico. Nel frattempo buone vacanze a tutti!!



lunedì 3 luglio 2017

Obiettivo distanza



La rinfrescata degli ultimi due giorni mi ha regalato una mattinata perfetta per il running: temperatura perfetta, con quel fresco frizzante dell'alba che insieme ai tiepidi raggi del primo sole formano un mix ideale per fare sport. Parto così per la classica corsa della domenica con l'obiettivo di ritoccare il record della maggiore distanza percorsa, il che significa correre più di una maratona.

Esco alle cinque in punto solita direzione centro. I primi chilometri scivolano via tranquilli, nonostante l'indicatore della Performing Condition del Garmin segni -8 (accettabile, ma in discesa). Da Ponte Milvio mi dirigo verso il Vaticano, attraverso via delle Milizie e Piazzale degli Eroi e risalgo tutto il Lungotevere per tornare a Ponte Milvio e da lì prendere la ciclabile in direzione di Castel Giubileo. Percorro 6 chilometri di questa bella ciclovia, il che significa che al ritorno al Ponte i chilometri percorsi sono 36. Fino a qui la media tenuta è ottima (siamo sotto ai 5'20" al chilometro), procedo verso il Villaggio Olimpico, classico biscotto per poi andare verso Piazza Mancini dove so esserci un bagno pubblico, per un pit stop di pancia. Arrivo qui con la brutta sorpresa di trovare chiuso: me lo sarei dovuto aspettare dalla nostra amata città! Meno male che avevo visto un bagno chimico nei pressi di Ponte Milvio, ritorno quindi dall'altro lato del Tevere e mi fermo a "meditare".

Riparto sollevato per gli ultimi dieci chilometri in direzione di casa. La fatica comincia a farsi sentire e la media, soprattutto negli ultimi cinque chilometri si alza notevolmente, mentre ogni fontanella è la mia. Alla fine chiudo l'allenamento mai così lungo, in termini di distanza percorsa e di tempo trascorso a correre. Quindi è stato raggiunto anche questo obiettivo, chemi sarà molto utile in vista degli obiettivi che mi sono ripromesso di centrare la prossima stagione.




lunedì 19 giugno 2017

#Gara 16 - Mezzamaratona di Roma


Come ogni anno puntuale nei dintorni del Solstizio d'Estate, è arrivato il momento della classica corsa in notturna per le vie del centro di Roma. La grossa novità quest'anno è rappresentata dalla distanza: alla CorriRoma sui 10 chilometri, si è affiancata la 1° edizione della Mezza Maratona di Roma. Un'iniziativa che è stata accolta con entusiasmo dai runners provenienti da tutta Italia e anche da diversi paesi d'Europa che colloca questo evento al quarto posto tra le manifestazioni più partecipate d'Italia dopo le Maratone di Roma e Firenze e la Roma-Ostia.

E' una serata calda e umida quella che accoglie i partecipanti in una Piazza del Popolo bella e colorata. Poco dopo il tramonto del sole si parte. I primi metri a Via del Corso sono impegnativi per evitare di inciampare, poi dopo la svolta su via del Tritone e nel Sottopasso si corre con più tranquillità. Il Garmin mi segnala una performance condition appena accettabile, in calo rispetto alle ultime uscite (visualizzo un +1, rispetto ai +6 della gara di domenica): non un buon viatico, ma il clima evidentemente si fa sentire. Impiego i primi tre-quattro chilometri a superare chi legittimamente va più lento di me e a trovare il mio passo gara, che provo a fissare intorno ai 4'20" al chilometro.



Umidità incredibile, si suda da matti. Per questo sto attento a non saltare nessun ristoro e nessuno spugnaggio cercando di rimanere sempre idratato. Dal Testaccio si va verso la Bocca della Verità e di nuovo in direzione Piazza Venezia e Via del Corso, prima di girare per via Tomacelli e immettersi sul Lungotevere. Uscendo dal centro gli applausi e gli incitamenti dei tanti turisti lasciano il passo ai clacson nervosi di chi è rimasto imbottigliato nel traffico.

Il fatto di essere a Roma non ci impedisce di provare l'esperienza di correre nel buio pesto nel quale attraversiamo interi tratti di Lungotevere (come tra Piazza Mancini e Ponte Milvio o più su, in direzione della Moschea): qui bisognava solo fidarsi dell'asfalto delle strade romane che, in termini assoluti, non è mai una buona cosa.

La solita salita della Moschea arriva intorno al 15° chilometro, da lì è una gran volata per raggiungere l'arrivo di Piazza del Popolo. Questi ultimi chilometri ero convinto di averli corsi in progressione, anche se poi il tempo effettivo mi dirà che invece il mio ritmo è sceso. Riesco comunque a recuperare un bel po' di posizioni e a chiudere 181° assoluto su oltre 4500 partecipanti. Non male direi.

Risultati Ufficiali TDS - Clicca per ingrandire

Alla fine il tempo lo ritengo comunque soddisfacente: 1h33'38" non sono male considerando che si tratta dell'ultima gara della stagione. del caldo e dell'altissimo tasso di umidità. Resta una bellissima serata ed una competizione davvero ben ideata ed organizzata che non potrà che diventare un'appuntamento classico nel panorama podistico romano.





mercoledì 14 giugno 2017

Mezzamaratona di Roma - Preview


Quest'anno il tradizionale appuntamento con la corsa sotto le stelle di metà giugno per le vie della Capitale raddoppia. Oltre alla tradizionale 10 Km. CorriRoma, giunta ormai all'undicesima edizione, ci sarà la 1° edizione della Mezza Maratona di Roma. Gli oltre 5000 iscritti avranno la possibilità di correre i 21,097 Km. della distanza nel cuore del centro storico approfittando del fresco della sera.

Partenza e arrivo sono in Piazza del Popolo. Da qui si dipana un percorso davvero suggestivo che tocca i luoghi simbolo della Città Eterna: via del Corso, Piazza Venezia, Fori Imperiali, il Colosseo fino alla Piramide Cestia. Da lì si gira per il Testaccio e via per il Lungotevere fino al Foro Italico. Un bel percorso da godersi fino in fondo in quella che, per molti runners compreso il sottoscritto, rappresenta la gara di chiusura dell'anno agonistico.


E' previsto a Piazza del Popolo un deposito borse, attivo dalle 19. Ci saranno diversi pacers identificabili da palloncini di vario colore (dai rossi dell'1h24 al multicolore dei pacers di 2h27). Sono previsti i classici ristori e spugnaggi alternati ogni 2,5 Km. Il ritiro dei pettorali si può effettuare giovedì e venerdì presso la sede di Romaratona in via Bardanzellu. (Quindi già un primo effetto positivo della mia iscrizione ad LBM la possibilità di ritirare il pettorale a due passi da casa ;).



lunedì 12 giugno 2017

#Gara 15 - Cecchignola di corsa


Una giornata molto calda, come lecito aspettarsi alla metà di giugno, un percorso molto nervoso e una misurazione del percorso non precisissima da un lato. L'esperienza unica di attraversare le caserme della Città Militare, non aperte di solito al pubblico, l'esordio con la nuova maglia sociale e il bell'arrivo allo stadio di atletica dell'Esercito dall'altro. Criticità ed elementi positivi si mischiano in questa seconda edizione della Cecchignola di Corsa, una delle mie ultime uscite agonistiche prima del break estivo.

Sin dal primo mattino si capisce subito che sarà il gran caldo a dare il ritmo alla gara. Partenza alle 9.30 (ma poteva essere anticipata di una mezz'ora) e subito via a correre tra i viali della Cecchignola zig-zagando tra una caserma e l'altra. Il percorso è ricco di cambi di direzione che rendono complicato impostare e mantenere un ritmo costante. Riesco a tenere sui 4'10"/Km. mentre mi rendo conto che il chilometraggio ufficiale con i cartelli non risponde a quello reale.

Infatti arriviamo al traguardo dello stadio dopo neanche 9,5 Km. (per TDS saranno proprio nove e mezzo, per il mio Garmin 9,4 ma siamo lì). Alla fine quello che conta è la buona sgambata, e il ritmo a 4'05" che, per clima e percorso, mi lascia decisamente soddisfatto.


Prima uscita anche per il mio nuovo Fenix 5 (di cui a breve seguirà recensione completa). Ottime sensazioni sia come traccia gps che come cardio al polso. Risultato finale: 71° assoluto su 580 partecipanti, 14° di categoria (su 60).

TDS Risultati ufficiali - Clicca per ingrandire